Lavoro giornaliero

“I Trappisti scelgono dei pasti sobri e non mangiano quindi la carne".

Secondo la tradizione, i monaci di Westmalle si occupano del loro sostentamento attraverso il lavoro e il commercio. Perciò tra le mura dell’abbazia ci sono una panetteria, una fattoria, un caseificio e una birreria.

In passato, la fattoria comprendeva dei campi ma dal 1932 i monaci allevano solo gli animali.  Per i monaci, la grande stalla è soprattutto per la raccolta del latte. I loro pasti giornalieri contengono molto prodotti caseari dato che i Trappisti non mangiano la carne.  Quest’ultimo è un prodotto troppo lussuoso. Una parte del latte è riservata al formaggio trappista nel caseificio, il resto lo vendono alla vicina azienda casearia. 

La birreria trappista

“Il risultato di questo lavoro giornaliero è un miscuglio di gustosi prodotti trappisti".

Come in tutte le abbazie trappiste in Belgio, c’è una birreria tra le mura dell’abbazia. Qui i monaci assicurano essenzialmente la direzione generale. La fabbricazione della birra e gli altri lavori sono affidati a collaboratori esterni.

Il risultato di questo lavoro giornaliero è un miscuglio di gustosi prodotti trappisti consumati dai monaci e dalla comunità. La maggior parte del commercio è in piccola scala perché serve ad assicurare il loro sostentamento. Infatti il formaggio è venduto solo all’ingresso o in poche aziende esclusive. Al contrario, la birra trappista ha una grande distribuzione (dove trovo il fusto) attraverso la ristorazione, i negozi di alcolici e i grandi magazzini.

site by Intracto